Il nostro sabato sera preferito: a Cinema!

Lo scorso sabato nonostante la bufera di neve, abbiamo deciso di rinchiuderci al calduccio in un bel cinema con un bel bidone gigante di pop corn.
Siamo passati a prendere la mia adorata nipotina Rebi, nostra fedelissima compagna di film d’animazione, e via verso l’UCI Cinemas per vedere Sing.

Sing

Sing mi ha ricordato un pò Zootropolis della Disney, perché è un film d’animazione ambientato in un mondo interamente popolato da animali.
In Sing, Buster Moon il koala cerca di salvare il suo teatro ormai caduto in disgrazia dopo i successi passati, allestendo un talent-show aperto a tutti coloro che sognano di diventare delle star canore.
Buster è un ottimista ed è uno che non si ferma davanti alle difficoltà. Certo, non lo fa in maniera completamente onesta, ma ho adorato il suo coraggio, la sua determinazione ed il suo voler dimostrare al suo papà ormai scomparso, che nonostante tutto, poteva essere fiero ed orgoglioso di lui.
La gara canora che Buster decide di organizzare nel suo teatro nella speranza di racimolare del denaro sufficiente per salvare il suo edificio, porta a conoscere le vite private dei cinque concorrenti pronti a sfidarsi per mostrare il proprio talento non solo agli altri ma anche a se stessi.

Sing: trama ed impressioni di un treenne e di una undicenne

Ecco i concorrenti

Un topo vanitoso ed imbroglione ma un vocalist incredibile (il personaggio che ho sopportato meno); una timida elefantina con il terrore del palcoscenico (la mia preferita); una maialina che deve tenere a bada 25 figli (quale mamma non si rivedrà in lei anche solo per un aspetto); un gorilla gangster dal cuore tenero; ed una porcospina punk­rock tradita dal suo fidanzato arrogante, questi sono i concorrenti del talent-show organizzato da Buster.

Qualche Info ma nessuno spoiler

Dal creatore di Cattivissimo Me e Minions, Chris Meledandri questo film d’animazione nelle sale italiane dal 4 gennaio, ha una colonna sonora composta da ben 85 canzoni, ed un cast davvero d’eccezione.
Adesso anche i bambini potranno guardare come noi genitori un talent-show basato su una sfida canora, però saranno catapultati in un ambiente insolito per loro, qual è il teatro.

Impressioni e giudizi di un treenne e di una undicenne

Sing non è riuscito a tenere incollato alla poltrona Franci come invece è successo per tutti gli altri film d’animazione che abbiamo visto a cinema.
Non è riuscito ad essere coinvolto come è accaduto in passato anche se nel complesso gli è piaciuto. Forse un po’ troppo “rigido” per un bimbo di tre anni.

Sing: Trama ed impressioni di un treenne e di una undicenne

A Rebi invece è piaciuto tantissimo e si è anche divertita a canticchiare tante canzoni. Perfetto quindi per una ragazzina di 11 anni.

Siete pronti quindi a riflettere sulla morale di questo film d’animazione assieme ai vostri figli, ed a passare due ore fra canti, risate ed emozioni?

Intanto date un’occhiata al trailer 👇🏽

Non lasciare che la paura ti impedisca di fare ciò che ami “

 

“Sognate in grande!”

 

“Quando tocchi il fondo ti resta solo una direzione in cui andare ed è in su”