Le Mie Creazioni

Hai dato un'occhiata alle mie creazioni hand-made? Clicca qui ed entra nella sezione "Le Mie Creazioni"

Mamma yogini ad alto contenuto green

Silueta Yoga Dorada Alessia soprannominata Alex da una persona infinitamente speciale. Una laurea in Scienze dell’Educazione e della Formazione in tasca e tante esperienze lavorative alle spalle. Insegnante di Yoga e meditazione per adulti e bambini, hostess di volo, educatrice con minori a rischio di devianza, educatrice di asilo nido, moglie e mamma Yogini h24. Leggi tutto

Su Instagram

Something is wrong.
Instagram token error.
Load More

Ringraziamenti

Roberto: Siti web bari
Andrea: CTROMA

Categoria: Autismo: storia di un bambino speciale

Autismo: perde il lavoro per seguire il figlio
Autismo: perde il lavoro per seguire il figlio

Ho conosciuto papà Giuseppe Ragusa, due anni fa in un gruppo di autismo, ultimamente attraverso alcuni suoi sfoghi pubblici avevo compreso che stava vivendo una situazione difficile e gli ho chiesto se volesse raccontarsi in questa rubrica.

Giuseppe crede che la vita gli abbia tolto tutto ed afferma con convinzione queste difficoltà: “Vale, viviamo l’autismo di nostro figlio quasi come se fossimo lontani dal mondo, chiediamo il minimo nella nostra vita ma quando arriva questa diagnosi, tutto finisce per l’intera famiglia.… Leggi tutto

Autismo Adulti: la storia di Giuseppe Auteri
Autismo Adulti: la storia di Giuseppe Auteri

Il mio nome è Giuseppe Auteri, ho 21 anni e convivo con lo sprettro autistico sin dalla nascita.

A due anni e mezzo non parlavo, amavo isolarmi e avevo percezioni e sensazioni alterate.

Per sopperire alla mancanza di linguaggio, comunicavo attraverso gesti e disegni e quando non gradivo essere toccato, mordevo.

A 7 anni iniziai a parlare per la prima volta a causa di un evento traumatico, la perdita del mio gattino.

“Mamma sei un assassina” furono le mie prime parole.… Leggi tutto

Autismo adulti: la storia del batterista Alberto
Autismo adulti: la storia del batterista Alberto

Alberto: scrittore e batterista con due lauree, nonostante il disturbo dello spettro Autistico

Mi chiamo Alberto Chiavoni, ho 31 anni e fino all’età di 2 anni ero un bambino come tutti.

Il giorno del mio secondo compleanno iniziai a dondolare fortemente, ad isolarmi ed a ridurre il linguaggio.

 

A due anni e mezzo ebbi la prima diagnosi di ritardo cognitivo psicomotorio medio, stereotipie e iperattività.

Iniziai così la terapia cognitivo comportamentale con logopedia e psicomotricità.

Dal linguaggio alle emozioni, dai giochi ai test, progredivo seppur le relazioni con i bambini della mia età erano notevolmente compromesse: preferivo isolarmi.… Leggi tutto

Autistici adulti: il dolore di una madre
Autistici adulti: il dolore di una madre

Questa è la storia di Maria Sinagra

Sono la madre di Sissi, una ragazza autistica di 28 anni.

Essere genitori di una persona autistica è piuttosto difficile e stressante ma lo diventa ancor più quando si tratta di un adulto con grosse problematiche comportamentali come aggressività e violenza soprattutto verso gli altri.

Questi atteggiamenti sono legati all’incapacità di dominare la profonda ansia che la pervade quando non riesce a controllare ciò che le succede attorno.

Lei deve tenere tutto e tutti sotto controllo secondo uno schema mentale rigido e complesso, così la mattina il babbo deve andare a lavoro anche quando è in ferie, la sorella deve andare a scuola ed io a casa non devo assolutamente parlare con nessuno né vicini né parenti altrimenti arrivano le sue crisi di urla e graffi.… Leggi tutto

Due figli autistici: la storia di mamma Tania
Due figli autistici: la storia di mamma Tania

L’autismo non è una vergogna

Una mamma, la coraggiosa Tania Sartor, si racconta parlandoci della sua vita con due figli autistici, Denis e Andrea…

La nostra storia…

Ho scelto di pubblicare il mio nome in modo che possiate cercarmi attraverso i social, per condividere le vostre esperienze e perché credo fermamente che l’autismo non sia una vergogna e pertanto non voglio nascondere nomi e cognomi. 

I miei due bambini autistici 

Del mio primo figlio non sospettavo minimamente che potesse essere autistico, aveva delle crisi molto forti che però interpretavo come gelosia verso il fratello mentre per Andrea è stato veloce capirlo quando ha perso il linguaggio e lo sguardo a 18 mesi.… Leggi tutto

Autismo: La Storia di Ale
Autismo: La Storia di Ale

Vi presento: “Il mio nome è Ale”.

Questa è l’intervista che hanno rilasciato i suoi genitori, e questo è il primo racconto della rubrica “Storie: il mio nome è” che inauguriamo oggi. 

Se vuoi raccontarci la tua storia puoi contattarmi a storiadiunautismo@gmail.com oppure inviarmi un messaggio a questo link https://www.facebook.com/ilmionomeebrianstoriadiunautismo/

Quando hai iniziato a sospettare che tuo figlio potesse essere autistico?

É complicato e doloroso tornare indietro con i ricordi, se provo a ripercorrere indietro il tempo ho come dei flashback. 

Ale aveva due anni ed improvvisamente si è come spento, quando veniva chiamato non si voltava, così dopo un confronto, inutile, con il suo pediatra, abbiamo fatto visita dall’otorino che ci ha consigliato visita da una logopedista.… Leggi tutto

Lettera a Babbo Natale dai genitori di bambini e ragazzi autistici
Lettera a Babbo Natale dai genitori di bambini e ragazzi autistici

Per Babbo Natale, dai genitori di bambini e ragazzi autistici

Caro Babbo Natale siamo in tanti a scriverti, genitori di bambini e ragazzi autistici, il nostro primo desiderio è che le istituzioni smettano di abbandonarci.

Abbiamo fatto i cattivi: siamo andati ad urlare e a pretendere i nostri diritti, perché seppur pochi, vengono continuamente calpestati. 

Abbiamo riempito uffici scolastici, segreterie CAF, fatto file INPS e preteso terapie attraverso il tribunale.

Vorremmo una scuola inclusiva, con insegnanti di sostegno qualificati ma soprattutto che ci siano dal primo giorno, poiché oggi, a dicembre, ancora tanti dei nostri figli sono da soli, alcuni addirittura lasciati a casa perché a scuola non vogliono tenerli.

Leggi tutto
Autismo: dieta senza glutine e caseina, perché provarla
Autismo: dieta senza glutine e caseina, perché provarla

Dieta senza caseina e senza glutine

Quando abbiamo ricevuto la diagnosi, digitando sul web la parola autismo spesso comparivano link di diete particolari e trattamenti biomedici che leggevamo con sufficienza e scetticismo poiché non reputavamo la dieta attendibile.

Dopo esserci affidati a trattamenti presenti nelle linee guida abbiamo deciso di provare a cambiare tutto il nostro approccio verso nostro figlio in quanto non vi era alcun risultato con il percorso intrapreso, sebbene suggerito da più medici.

Dunque non avendo trovato giovamento dalla terapia comportamentale abbiamo deciso di provare strade cosiddette “alternative”.… Leggi tutto

Metodo Castagnini e Autismo
Metodo Castagnini e Autismo

Applicazione degli esercizi del Dottor Castagnini 

Voglio raccontarvi la mia esperienza con mio figlio nell’applicazione degli esercizi del dottor Castagnini, neurologo riabilitatore che propone il metodo Vojta~Castagnini per la terapia delle paralisi cerebrali infantili.

Vi chiederete dunque perché ho praticato gli esercizi del dottor Castagnini avendo una diagnosi di autismo e non di paralisi.

Tengo a precisare, innanzitutto, che il dottore è volontario presso l’associazione A.R.C. di Verona e che pertanto non percepisce alcuna parcella per i suoi consulti medici (onde evitare fraintendimenti, la mia non è pubblicità, ma esclusiva esperienza personale).Leggi tutto

L’Autismo raccontato dalla dodicenne Ylenia
L’Autismo raccontato dalla dodicenne Ylenia

L’avvento di Internet ha portato alla luce l’immensa realtà sommersa riguardante le innumerevoli famiglie che vivono la disabilità.

È facile con la nascita di gruppi di sostegno e con l’informazione giornalistica, scoprire le  tante storie ed i tanti volti di chi entra nel girone con noi.

Nel limbo dove siamo confinati in attesa di aiuti, di miglioramenti e di felicità.

Ed è così che ho conosciuto la storia di Ylenia De Tommasi, anni 12 ma già grande, vive con i suoi nonni lontana dalla madre e dai fratelli, entrambi autistici, poiché essi sono seguiti terapeuticamente in un’altra regione a causa della mancanza di strutture adeguate e personale specializzato a Brindisi.Leggi tutto

Privacy Policy
Sviluppato da Roberto Antonacci, siti web bari