Le Mie Creazioni

Hai dato un'occhiata alle mie creazioni hand-made? Clicca qui ed entra nella sezione "Le Mie Creazioni"

Mamma yogini ad alto contenuto green

Silueta Yoga Dorada Alessia soprannominata Alex da una persona infinitamente speciale. Una laurea in Scienze dell’Educazione e della Formazione in tasca e tante esperienze lavorative alle spalle. Insegnante di Yoga e meditazione per adulti e bambini, hostess di volo, educatrice con minori a rischio di devianza, educatrice di asilo nido, moglie e mamma Yogini h24. Leggi tutto

Su Instagram

Something is wrong.
Instagram token error.
Load More

Ringraziamenti

Roberto: Siti web bari
Andrea: CTROMA

La Gotta come curarla con metodi naturali

La Gotta come curarla con metodi naturali

La Gotta come curarla con la Cristalloterapia e la Medicina Cinese 

Il “Post feste natalizie” spesso può essere doloroso, sovente ci troviamo a gestire problemi quali la Gotta.

La gotta è una delle malattie conosciute più antiche.

Gli Egiziani diagnosticarono la malattia nel 2640 aC, e l’antico medico greco Ippocrate la chiamò “trappola del piede”. 

In tempi più recenti è stata considerata anche una “malattia aristocratica”, in quanto colpiva solo le persone che potevano permettersi cibi e bevande costose.”

È una malattia autoinfiammatoria articolare molto dolorosa. 

Si verifica quando vi è una quantità eccessiva di acido urico nel sangue. 

Ciò porta ad un accumulo di cristalli di acido urico nelle articolazioni e nei tessuti circostanti, causando infiammazione.

Le cause della gotta possono essere diverse

Questa è più frequente negli uomini che nelle donne, sebbene ci sia una fattore ereditario da non trascurare. 

L’insorgenza della gotta è spesso dovuta ad eccessi di alcune proteine e alcuni carboidrati, ma anche allo stress e alla mancanza di eserciso fisico (patologie come diabete, pressione alta e colesterolo elevato, possono contribuire).

Il più delle volte questo disturbo si deve ad un eccesso di proteine nell’alimentazione (soprattutto di proteine animali) derivato dal consumo poco moderato di carni rosse, pesci grassi, lievito, frattaglie, insaccati, ma anche da un eccesso di alcool (sopratutto birra), carboidrati da farine bianche.

Via libera a quegli alimenti “sani” che abbassano gli acidi urici

Bere la mattina un estratto di limone, sedano e zenzero ( tutti e 3 alimenti che abbassano il colesterolo, gli acidi urici, hanno un’azione antinfiammatoria, battericida, antireumatica, asettica, diuretica), sicuramente bere molto fuori pasto, assumere più verdure e frutta, sostituire le carni rosse con carni bianche magre e lenticchie, preferire zuppe a paste molto condite.

Gotta e Cristalloterapia…

Curare la Gotta con metodi naturali

Nel Medioevo, Santa Hildegard von Bingen attribuì al Crisoprasio un’azione disintossicante, efficace per la gotta; ha la capacità di aumentare le difese immunitarie e svolge un ruolo disintossicante, stimola la depurazione del fegato, allevia i dolori reumatici.

Sicuramente assieme a questa pietra potremmo utilizzare anche la Labradorite.

Questa pietra agisce efficacemente per aumentare la creatività, rafforza l’intuizione e permette di vedere la vera natura dei nostri scopi, a livello fisico attenua la sensazione di freddo, è indicata a combattere le malattie da raffreddamento tra cui i reumatismi e la Gotta.

Agisce da calmante per le tensioni allo stomaco ed è utile per abbassare la pressione.

Si può associare anche il Turchese a livello fisico viene consigliato di indossarlo a chi ha difficoltà ad assorbire i nutrienti. È ritenuto anche un antinfiammatorio e disintossicante, oltre che pietra capace di contrastare alcuni problemi come: la gotta, l’acidità di stomaco, i reumatismi, le infiammazioni, stati di intossicazioni lieve e infezioni.

Curare la Gotta con metodi naturali

Come utilizzare il Crisoprasio, la Labradorite ed il Turchese

Per questa circostanza, é utile  applicarli direttamente sulla zona dolente con un cerotto, oppure all’altezza del fegato oppure dietro la nuca per i reumatismi.

Preparare dell’elisir da sorseggiare al mattino aggiunto all’estratto o diluito durante la giornata.

 

Gotta come combatterla con la Medicina Tradizionale Cinese e la Riflessologia

La gotta in Medicina Tradizionale Cinese corrisponde ad Umidità-Calore della Milza oltre che turba da Stasi del Fegato (rapporto Legno-Terra alterato a causa dell’Umidità).

I 2 punti sono legati al movimento del Metallo: Sp 5 è punto di Dispersione di Sp, quindi in grado di drenarne l’eccesso ed inoltre scarica l’Umidità, mentre Lr 4 rettifica il Qi (proprietà del Metallo) e fa scorrere l’energia bloccata.

La spiegazione per cui l’alluce e le altre articolazioni vengono interessate si deve al fatto che l’Umidità Calore non metabolizzata dallo Shao Yang stagna (se Shao Yang non risolve Umidità Calore, questa aggredisce le Articolazioni) ed attacca di conseguenza a livello di Tai Yin (Milza) e Jue Yin (Fegato).

Affidarsi ad un bravo operatore che stimolerà i punti dei meridiani e le ” loggie Legno-Terra sarà funzionale.

Curare la Gotta con metodi naturali

È stato evidenziato che la gotta si combatte a tavola, con l’ausilio dei cristalli, con la riflessologia e sicuramente con l’esercizio fisico

La sedentarietà non fa che peggiorare la condizione di infiammazione articolare.

Impacchi d’argilla applicati alle articolazioni, pediluvi salini e movimento all’aria aperta sono ottimi, seppur la prevenzione è il rimedio più efficace.

 

 

 

 

Terapie olistiche quali sono

Rubrica Shambala Terapie Olistiche delle Emozioni a cura dell’ Operatrice Olistica Falcomer Denise specializzata in bio-terapie e discipline orientali

3939405536

Questa pratica, pur essendo frutto di conoscenze e tradizioni secolari, non è parte della “medicina ufficiale”, ossia di quell’insieme di pratiche mediche scientifiche fondate sulla sperimentazione clinica e di laboratorio. Questa pratica viene invece inserita tra le “medicine alternative” o “medicine non ufficiali”. Per tale ragione questa guida vuole essere solo una introduzione alla conoscenza di questa pratica, alla sua storia e alla spiegazione dei suoi procedimenti.

Questa guida ha solo carattere infomativo; non può, e non deve, essere in alcun modo intesa come un’invito a seguire i dettami di questa pratica, cosa che viene sempre e solo lasciata alla libera scelta del lettore. Desideriamo altresì invitare sempre tutti i lettori a consultare prima di ogni cosa il loro medico di famiglia, e i relativi specialisti da esso consigliati, seguendo innanzitutto le vie della medicina ufficiale.

Ad esse può essere eventualmente affiancato un percorso che segua una o più pratiche di medicina “alternativa” o “non ufficiale”, ma queste non possono e non devono mai sostituire le terapie indicate dai medici. Sono in gioco la vostra salute e la vostra stessa vita, non dimenticatelo mai.

 

Leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Policy
Sviluppato da Roberto Antonacci, siti web bari